Finanza

Cessione del quinto: cos’è e a chi conviene affidarsi

Negli ultimi anni, si è registrato un aumento di richieste di cessione del quinto dello stipendio. Quando si cita questa particolare formula di prestito personale, si fa riferimento a un finanziamento che prevede un rimborso spese attraverso la trattenuta del dovuto direttamente da busta paga. Si può anche dire che si tratti dell’ultima spiaggia per molti cattivi pagatori, ovvero per quei dipendenti che hanno già avuto problemi in passato nel riuscire a ottenere un prestito e rispettarne le scadenza, e magari oggi si ritrovano segnalati dal CTC o CRIF. Va detto, infatti, che la legge italiana consente che il quinto dello stipendio di un dipendente possa essere ceduto al di là di altri eventuali prestiti richiesti, o da segnalazioni possibili a carico dell’utente in questione.

Il mercato in questione è davvero vario. Inizialmente, questa pratica risultava essere un’esclusiva dei soli intermediari finanziari e degli istituti di credito ma, nel corso del tempo, anche le banche tradizionali hanno iniziato a operare in tal ambito. Si può dire dunque che oggi un dipendente pubblico o statale, o anche privato, abbia soltanto l’imbarazzo della scelta dinanzi a sé, qualora fosse giunto a tale decisione. Va anche detto che la scelta del proprio interlocutore in tale ambito non può dirsi affatto secondaria. Sulla cessione del quinto pesano infatti quelle che vengono definite spese di intermediazione. È dunque chiaro che nella rata sarà necessario pagare anche tali spese. Più piccolo sarà l’interlocutore, più avrà bisogno di spese di mediazione maggiori per sopravvivere nel mercato, e per questo si consiglia di affidarsi a grandi istituti collaudati.

Per anni ci si è affidati alla Finemiro, oggi nota come Neos Finance, che offre tra i suoi servizi Neos Quinto, indicata soprattutto per i dipendenti statali e dei vari enti. Grazie alle convenzioni sulle quali può contare l’azienda, all’utente vengono offerti dei tassi più bassi rispetto alla media attuale del mercato. Sul loro sito è inoltre possibile ricevere un preventivo gratuito. Altre ottime scelte sono quelle di IBL Banca, in particolare la sua opzione Rata Bassotta, e quella proposta da Findomestic. Le possibilità sono davvero svariate, anche se per tutte si consiglia di leggere i contratti con attenzione, senza limitarsi alla sola offerta pubblicitaria.

 

 

 

Piaciuta la classifica? Lascia un commento:

Finanza