Tecnologia

Le auto ibride più sportive e potenti

Anche tra le auto ibride esistono modelli particolarmente potenti. Combinando il motore tradizionale con uno o più motori elettrici e un pacco di batterie, è infatti possibile ottenere prestazioni più elevate e, al tempo stesso, ridurre i consumi e le emissioni.

Altra vettura ibrida degna di nota, in questo senso, è la Lexus LC 500h, una gran turismo prodotta dalla divisione di lusso del gruppo Toyota dall’aspetto avveniristico, sia nelle linee che negli interni. È provvista di un motore a benzina 3.5 da 299 cavalli abbinato a un motore elettrico che aggiunge altri 60 cavalli, oltre che di un cambio automatico a 10 velocità. L’innovativo sistema denominato Multi Stage Hybrid System garantisce, al fronte di prestazione elevate, dei consumi equilibrati.

Non meno interessante è la BMW X6 ActiveHybrid, il primo SUV di grossa taglia ad essere prodotto in una versione a propulsione ibrida. Al motore a benzina 4.4 biturbo da 408 cavalli affianca due motori elettrici, che aggiungono 91 cavalli e 86 cavalli, per una potenza combinata pari a 485 cavalli e un consumo inferiore rispetto a quello del modello tradizionale. A dispetto del peso elevato, il veicolo si dimostra agile e maneggevole, con un’ottima stabilità e tenuta di strada.

La Porsche Panamera è una coupé elegante e sportiva dotata di un cambio robotizzato, sistema a trazione integrale e, in alternativa alle motorizzazioni più tradizionali, un motore a benzina 2.9 biturbo da 330 cavalli abbinato a un motore elettrico da 136 cavalli. Usando esclusivamente quest’ultimo, può viaggiare per 50 chilometri ad una velocità massima limitata a 140km/h. Il motore termico, invece, può portarla da 0 a 100km/h in 4,6 secondi e fino ad una velocità di 278km/h.

Al Salone dell’automobile di Ginevra ha fatto la sua prima comparsa la Koenigsegg Regera, che si è presentata con dei numeri da capogiro: 1.500 cavalli e oltre 1 megawatt di potenza complessiva. Il suo sistema di propulsione ibrido è costituito da un motore a benzina 5.0 biturbo da 1.100 cavalli e tre motori elettrici, uno collocato nell’albero motore e gli altri due collegati alle ruote posteriori, mentre il sistema di trasmissione ammortizza la perdita di energia di oltre il 50% rispetto a quelli comuni. Il risultato è uno sprint che potrebbe portare la vettura da 0 a 100km/h in meno di 3 secondi e da 0 a 400km/h in meno di 20 secondi.

 

 

 

Piaciuta la classifica? Lascia un commento:

Tecnologia