Tecnologia

Nasce la prima autostrada energetica: Route 66 verrà rivestita con pannelli solari

Una lunga strada che si snoda sotto il sole cocente: e se tutto quel calore fosse immagazzinabile e trasformabile in energia? Ci ha pensato l’America e, in particolare, lo stato del Missouri, che ha deciso di trasformare alcuni tratti della celeberrima Route 66 in fonte di energia solare. Tutto merito di una apposita pavimentazione a pannelli solari, capace di ottimizzare l’assolata posizione della strada per produrre energia praticamente infinita, rinnovabile e – soprattutto – pulita. L’autostrada, resa famosa da film e canzoni che ne hanno fatto un vero e proprio mito della cultura americana nel mondo, avrà da oggi un altro punto di merito e un altro motivo per essere celebre.

Nasce la prima autostrada energetica

Il merito di questa idea, che potrebbe costituire una vera e propria rivoluzione energetica, spetta a Scott e Julie Brusaw, marito e moglie che hanno deciso di realizzare il proprio progetto tecnologico ricercando fondi su Internet. Il loro sogno, cioè quello di trasformare le autostrade americane in veri e propri pannelli fotovoltaici percorribili in auto, è infatti piaciuto a milioni di persone, che hanno deciso di regalare il proprio contributo economico attraverso la piattaforma di crowdfunding Indiegogo. Grazie alla generosità di un pubblico sempre più attento alle tematiche ambientali, i coniugi sono riusciti a raccogliere l’esorbitante cifra di 2 milioni di dollari e a dare il via alla fase pratica del progetto.

Nasce la prima autostrada energetica

La Solar Roadways – questo il nome della società fondata dai Brusaw – ha per ora installato la sua speciale pavimentazione solo in alcuni tratti dell’autostrada prescelta. Dopo un lavoro di due anni e grazie alla collaborazione del dipartimento dei trasporti, l’impianto è ormai pronto alla prima sperimentazione. Il traguardo prospettato è quello di avviare una produzione di energia elettrica pulita in grado di alimentare abitazioni, impianti di illuminazione stradale e segnaletica per tutta la zona circostante i pannelli. La tecnologia messa a punto permette, inoltre, di sostenere il peso dei camion e di fornire le stesse caratteristiche di aderenza che garantisce il classico asfalto: si tratta di particolari indispensabili per permettere al progetto di associare efficienza e funzionalità al rispetto per l’ambiente. Inoltre, un sistema di circuiti e LED garantirà l’illuminazione stradale, la trasmissione di alcuni dati ambientali e il riscaldamento del suolo stradale in caso di neve.

Nasce la prima autostrada energetica

La prima autostrada solare, quindi, si troverà sulla Route 66. Alcune sperimentazioni hanno preparato la via alla completa realizzazione del progetto. Risale a solo un anno fa, per esempio, la creazione della prima pista ciclabile a energia solare: realizzata in Olanda, si tratta di un percorso di soli 70 metri in grado di produrre una media annua di ben 9.000kWh. Si tratta di risultati che aprono l’orizzonte a nuove, incoraggianti frontiere per il pianeta e per l’ambiente.

 

 

 

Piaciuta la classifica? Lascia un commento:

Tecnologia